Corsi di Alta Fotografia
secondo i principi della semiotica dell'immagine,
con elementi di psicologia cognitiva e lo studio
dei meccanismi cerebrali deputati alla visione

Perché una foto piace?

 

Come si legge una fotografia? Come si scrive una fotografia? Perché una fotografia è bella? Come reagisce il cervello di fronte a un’immagine?

Semiotica, psicologia cognitiva e meccanismi cerebrali in correlazione con le immagini rispondono a queste domande!

Per alcuni anni ho studiato al fianco di un semiotico una scienza molto complicata, la semiotica dell’immagine, ossia la scienza della comunicazione per immagini. 

Estrapolando solo le parti che possono essere utili alla corretta lettura e alla corretta composizione di un’immagine, ho pubblicato il libro “Verità momentanee”.

In una fase successiva ho approfondito con la collaborazione di un neuropsichiatra la componente relativa alla psicologia cognitiva e quella inerente i meccanismi cerebrali deputati alla visione delle immagini.

Come reagisce il cervello umano e quale percorso effettuano le immagini quando vengono trasmesse dalla retina al cervello? 

Quali caratteristiche devono avere per ottenere una migliore comprensione  o dare al cervello una sensazione di bellezza? 

Come possono emozionare l’osservatore?

Fondendo le tre materie  ho creato nel corso di qualche anno una serie di un migliaio di slide che sono alla base di un corso di Alta Fotografia, affiancate da oltre 800 slide con immagini di importanti autori del passato e del presente, il cui scopo è la corretta lettura di un’immagine e la capacità di scrivere una fotografia nella quale il messaggio che contiene sia di immediata lettura da parte di un osservatore e la bellezza di una foto sia costruita rendendola esteticamente tale secondo principi rigorosamente scientifici.

Linee e colori vengono recepiti dal cervello come segnali specifici, dominarli secondo le nostre intenzioni è fondamentale per attribuire all’immagine un particolare significato o stimolare una reazione emotiva.

L’ultima lezione è rivolta alla fotografia artistica, ma poiché “per fare arte l’artista deve dare forma alla materia con la sua impronta”, si aprono le porte a strumenti di foto ritocco e post produzione, in assenza dei quali l’immagine è solo un semplice riporto o frutto del caso.

Questa lezione affronta anche il tema della bellezza di una fotografia sotto l’aspetto psicologico e cerebrale.

Questo corso è utile sia a chi desidera cimentarsi nella fotografia pubblicitaria, sia a chi aspira a vedere le proprie immagini esposte in una galleria d’arte, come la partecipazione a un concorso fotografico sia nella veste di giudice che come concorrente   ... o più semplicemente a scattare belle fotografie.

La macchina fotografica non è uno strumento intelligente che in mano ad uno stupido produce fotografie artistiche.

È uno strumento stupido che in mano ad un fotografo intelligente, preparato e sensibile può anche produrre immagini artistiche. 

E proprio nell’ultima lezione teorica, che è anche una delle più corpose, si parla di Arte!

Quali condizioni devono sussistere per poter affermare che a una fotografia è possibile attribuire la qualifica di Arte?


Le lezioni possono essere private, con orari flessibili,

o di gruppo presso l'Accademia Torinese di Fotografia

Il programma prevede sei lezioni teoriche di due ore e due uscite.

Per informazioni :

Alberto Bari   tel.    3481731090     alberto.bari@gmail.com

Accademia Torinese di Fotografia   tel    0112484308    

info@accademiatf.eu

 

 

Programma del corso di Alta fotografia

In sei lezioni teoriche di due ore con la proiezione di oltre 1000 slide e due uscite con gli allievi, oltre alla visione di 800 fotografie scattate da importanti autori del passato e del presente in vari generi fotografici, a colori e in bianco nero.

Prima lezione:

La mente e la fotografia

Il funzionamento percettivo del nostro SNC (sistema nervoso centrale)

Analisi plastica
La retina e la corteccia visiva
La fotografia nella psichiatria

Il Punctum barthesiano
Il Phaneron
Le linee emotive
I colori e le sensazioni che provocano nei fruitori
Principi compositivi per favorire la lettura da parte della corteccia visiva

Seconda lezione:

La fotografia secondo i principi della semiotica dell’immagine

La costruzione di un’immagine Comunicare con un’immagine Cos’è la semiotica
Il segno

Classificazione dei segni
Denotazione e connotazione
La fotografia dal punto di vista di chi la legge La fotografia dal punto di vista di chi la scrive

Entropia e minimalismo
La grammatica delle immagini
La disposizione delle masse

Terza lezione:

Elementi di semiotica visiva

Fotografie come testi
Piano figurativo e piano plastico
Fotografare il sacro
Il sacro nella pubblicità
Il messaggio nelle immagini pubblicitarie
L’ironia nella fotografia
Costruire una storia con una sequenza di immagini

Street photography: la foto rubata e la foto costruita

Quarta lezione:

Leggere una fotografia

Lo studium barthesiano
Il punto significante
Criteri di analisi di un’immagine
Statuti o attributi di un’immagine
Cosa si legge in un ritratto
La fotografia all’infrarosso
La lettura della street photography
I trucchi del reportage e la verità documentale I commenti alle foto

Quinta lezione:

La fotografia artistica

La bellezza sotto il profilo psicobiologico
Come linee e colori stimolano sensazioni di gioia o tristezza
Come interagire con l’inconscio degli osservatori
L’arte e la fotografia all’infrarosso
Fotografia artistica e pittura secondo Umberto Eco
Lo stile dell’artista
L’intenzione originaria e l’intenzione formativa secondo Umberto Eco Il sentimento dell’autore
Caratteristiche di una fotografia artistica
La fotografia astratta
La scuola di Düsseldorf
La tutela della legge

Sesta lezione:

Analisi e commento delle fotografie scattate durante le due uscite

Al termine del corso gli allievi riceveranno copia del mio libro “Verità momentanee” in formato pdf che tratta gli argomenti del corso relativi alla parte semiotica e un file pdf con le 800 fotografie e le relative biografie degli autori che sono state visionate durante il corso.

Logo Alberto Bari